L'Editoriale

Un sindacato che non sa più innovare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Come da tradizione, anche questo venerdì si sciopera. Ferrovieri compresi, non sia mai che facessero tornare a casa per il fine settimana qualche povero disgraziato costretto a lavorare o studiare lontano. Per non parlare dei turisti e pendolari. Il Governo delle riforme ci aveva provato a precettare il personale dei treni, ma poi la Camusso ha strillato e Renzi ha fatto retromarcia. Un segno di distensione in perfetto stile democristiano. Così però cambiare verso al Paese resta uno slogan. Lo sciopero di oggi è infatti l’ennesima follia di un’Italia suicida. La crisi ci stritola e noi ci fermiamo. Una ricetta vecchia come sono vecchi i nostri sindacati. E dire che nella debolezza di questa politica un sindacato moderno potrebbe diventare davvero il motore del Paese. Basterebbe smetterla col pensare solo ai garantiti (pochi e in diminuzione) per iniziare a tutelare il lavoro, con i precari e i non garantiti (molti e inevitabilmente in aumento) sulla stessa barca insieme ai piccoli imprenditori, gli autonomi, quei pazzi che non si rassegnano. Eroi di questi anni, che affrontano i problemi innovando. E non scioperando.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »