L'Editoriale

Una chance a M5S e Lega è doverosa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Diciamolo: la gente della strada vuole vedere all’opera Di Maio e Salvini. Non saranno i personaggi più raffinati e politicamente corretti che conosciamo ma proprio il loro populismo li ha fatti diventare un fedele specchio del Paese. Naturale che dal vecchio establishment politico ed economico sia partito il fuoco di sbarramento. Meno comprensibile è il motivo per cui personaggi di grande coraggio e intuito come il direttore del Fatto, Marco Travaglio, non ci stiano a dare almeno una chance a questa strana coppia. Di sicuro le possibilità che realizzino anche in parte i loro programmi sono pochissime, ma più buio di mezzanotte non può fare, e visto il disastro in cui siamo…

Molte delle possibilità di non disperdere la credibilità acquisita stanno comunque nel contratto che si sta preparando. Tutti sappiamo che Reddito di cittadinanza e Flat tax non si possono fare insieme perché il loro costo affonderebbe i conti dello Stato. Ma agendo con gradualità molte cose si possono fare, anche le più dirompenti. E siccome l’Italia non si rialza con i pannicelli caldi che ci forniscono da anni, quello che per molti è un salto nel buio sarà sempre meglio dell’ennesimo suicidio. Dunque è miope denunciare che per coabitare Lega e 5S dovranno rinunciare a qualcosa dei loro programmi, fossero anche capisaldi come una nuova legge sul conflitto d’interessi. De minimis non curat pretor, e negarci per partito preso una pur minuscola opportunità di uscire dal pantano è un’occasione che non possiamo sprecare.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA