L'Editoriale

Una destra suicida nel Lazio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se una volta la politica era sangue e merda (copyright Rino Formica) oggi si è ridotta a calcolo e basso compromesso, con il risultato di appassionare sempre meno e dimostrarsi inconcludente. Quello che è accaduto per il Lazio è l’emblema di questo scadimento. Al Centrosinistra che ha candidato alla presidenza della Regione l’uscente Nicola Zingaretti e ai Cinque Stelle che corrono con Roberta Lombardi, i partiti del Centrodestra rispondono con un’operazione di Palazzo. Piuttosto che appoggiare l’unica forza emergente dal territorio, sostenendo la candidatura del sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi – uomo di destra molto rispettato nella sua area politica – si manda allo sbaraglio Stefano Parisi, manager nato a Roma ma di fatto milanese, completamente scollegato dai territori che vanno al voto. Parisi, sconfitto due anni fa a Milano, sa bene di non avere speranze ma ha accettato perché in cambio Berlusconi, Salvini e la Meloni gli hanno dato un seggio blindato ciascuno, permettendogli così di andare in Parlamento insieme a due sue “nominati”. Cosa c’entra tutto questo con le esigenze del Lazio e la ricostruzione di un Centrodestra locale evaporato negli ultimi anni, è un mistero. Gli elettori non sono scemi e c’è da giurarci che risponderanno a tono. Molto probabilmente il voto di destra continuerà a restare in libera uscita verso i Cinque Stelle, al netto del giudizio sul primo anno di governo della Raggi. Di sicuro comunque Berlusconi & C. nel Lazio partono già con una pessima figura.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »