L'Editoriale

Una faziosità che acceca i confederali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Finalmente in Italia c’è qualche posto di lavoro in più: 203mila contratti che invertono un trend sempre negativo da cinque anni a questa parte. Tutti contenti? I sindacati no. Non è una svolta, ma un regalo alle imprese con meno diritti ai lavoratori, dice la Cgil. Incredibile ma vero: quegli stessi sindacati che hanno imbalsamato il mercato del lavoro per decenni e che appena pochi giorni fa – il primo maggio – strillavano chiedendo misure per l’occupazione, adesso contestano il governo che ha messo nel piatto 150 milioni per tagliare i contributi. Senza questa misura oggi saremmo infatti a piangerci addosso per l’ennesima rilevazione negativa. Ora, se i sindacati vogliono fare politica – dove ormai quasi tutto è ammesso – si accomodino pure, ma se il loro ruolo è quello di difendere il lavoro, o i giovani che lo cercano e i pensionati per quanto hanno maturato, allora questa faziosità da guerra totale contro l’esecutivo non se la possono permettere. Anche perché li ridicolizza e mostra plasticamente come dietro tante buone intenzioni si nasconda dell’altro, a partire da una strumentalizzazione ormai sin troppo evidente delle piazze.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »