L'Editoriale

Una politica succube dei giudici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se è vero che un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza e tre indizi sono una prova, vedere Renzi attaccare i magistrati come fecero Craxi e Berlusconi ci obbliga a farci una domanda: ma non è che sono anche i giudici uno dei problemi di questo derelitto Paese? La domanda è troppo complessa per pretendere come risposta un semplice sì o no. A Potenza è vero che la giustizia ha bloccato per anni enormi investimenti a fronte di procedimenti lenti e rarissime sentenze. Ma è anche vero che proprio la magistratura ha fatto emergere lo scambio di influenze tra i petrolieri della Total, il compagno dell’ex ministro Guidi e la stessa responsabile delle Attività produttive. Influenze intollerabili, tanto che Renzi ha subito accettato le dimissioni del ministro. Se però la politica fosse autorevole e chiara, capace di riunire attorno a un tavolo, pubblicamente, i soggetti interessati alle grandi opere, facendo assumere a ciascuno le proprie responsabilità, ecco che burocrazia e corruzione perderebbero ogni ragion di essere. Esattamente come i giudici che ingessano l’Italia o fanno carriera con processi mediatici e a teorema.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA