L'Editoriale

Una regolata al motore gialloverde

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

A chi si domanda se il Governo va avanti o cade, suggerisco il sondaggio che pubblichiamo oggi nelle pagine interne, realizzato per La Notizia dalla società Gpf di Roberto Baldassarri. I 5 Stelle e la Lega, come vediamo ogni giorno, non nascondono obiettivi e sensibilità diverse, ma la netta maggioranza degli italiani approva l’Esecutivo gialloverde, e pertanto disapproverebbe chi ne staccasse per primo la spina. Malgrado l’infedele rappresentazione a edicole e talk show tv unificati, l’economia in caduta libera dopo la fine degli stimoli monetari della Bce comincia a dare segni di ripresa, risale l’occupazione e aumenta il lavoro stabile, si è evitata la procedura d’infrazione per troppo debito e lo spread è risceso, si è stesa una rete di protezione per milioni di italiani in povertà assoluta e si sono avviate riforme pretese dai cittadini: il taglio di molti sprechi (dai vitalizi al numero spropositato dei parlamentari), il ricambio generazionale di Quota cento, il freno all’immigrazione illimitata, la legge spazzacorrotti e molto altro ancora.

Se facessimo l’analisi costi-benefici, tutto questo vale ben di più rispetto alle divergenze su cosa inserire nelle autonomie regionali, sui dettagli del decreto sicurezza e persino sul Tav e su come proseguire nel taglio delle tasse, per non parlare delle polemiche di giornata su interviste e dichiarazioni di cui nessuno si ricorda più il giorno dopo. Poi ci sono i problemi interni. Matteo Salvini farebbe bene ad andare in tv e chiarire ogni aspetto del Russia-gate che lo coinvolge, mentre Luigi Di Maio, oltre a completare la riorganizzazione del Movimento, è ora che chieda agli attivisti di scegliere poche ma forti parole guerriere, sulle quali chi non si impegna può accomodarsi fuori. La politica moderna pretende posizioni nette, e non perdona le scelte ondivaghe, come ha ricordato appena ieri la sindaca Chiara Appendino, da tempo costretta a difendersi più dalla sua parte politica che dalle opposizioni. Nessuno obbliga i 5 Stelle a governare, ma se non lo si fa non si realizza nessun punto del programma. Chi sa solo lamentarsi, i disfattisti e chi non ha il coraggio di andare fino in fondo nel cambiare il Paese è bene che di questo non si dimentichi.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA