L'Editoriale

Una riforma in bianco e nero

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Un Paese che cade a pezzi come il nostro ha una sola chance: cambiare profondamente. Gli italiani l’hanno capito e hanno dato un consenso senza precedenti al premier che più di tutti ha saputo imporre parole chiave come riforme e rottamazione. La strada era sacrosanta e dopo un primo anno di queste riforme oggi il Paese può guardare avanti con più fiducia rispetto ai mesi disastrosi dei governi Monti e Letta. La crisi e il decadimento morale, prima ancora che materiale, ci obbligano però a procedere a tappe forzate e a fare riforme anche ruvide. Di spazio per una forte spinta riformista d’altronde ce n’è a volontà. Per questo non entusiasma la proposta di riforma della Rai, dove come prima cosa si dovevano tirare fuori i partiti dalla governance e invece si lascia la scelta di metà Cda al Parlamento e in più si assicura un posto fisso al sindacato interno. Un bel topolino venuto giù dalla montagna di Palazzo Chigi mentre i manager in sella una riforma vera la facevano sul serio, emettendo obbligazioni e così consentendo di smarcare Viale Mazzini dal tetto sugli stipendi. Una riforma buona già aggirata con i giochetti si sempre.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA