L'Editoriale

Una sfida per il bene del Paese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Morto il re, lunga vita al re! Nel discorso con cui ieri Giuseppe Conte ha seppellito il Governo gialloverde ci sono due capitoli perfettamente distinti. Il primo è l’elenco impietoso dei colpi bassi subiti soprattutto negli ultimi mesi da Salvini, con una critica sulla sua interpretazione del ruolo istituzionale e l’evocazione delle piazze che non lascia spazio a ormai definitivamente tramontate ricuciture. Il secondo, ben più denso e sorprendente capitolo, è invece una sorta di programma di un possibile Conte bis, col Pd e probabilmente la Sinistra dell’ex Procuratore di Palermo, Piero Grasso, ovviamente Zingaretti permettendo.

In uno scenario della crisi che resta complicatissimo, stretto da scadenze perentorie come l’approvazione della Manovra economica in tempo per impedire un disastroso aumento dell’Iva, e con la propaganda leghista scatenata nel tirare per la giacchetta il Presidente Mattarella, il pallino è ora in mano al segretario del Pd. Renzi, in un discorso misurato in Aula e dopo aver già anticipato l’intenzione sua e dei suoi di non entrare in un ipotetico prossimo governo, ha messo Zingaretti di fronte a un bivio: pensare ai proprio interessi, andando ad elezioni per svuotare il partito dai renziani ma a costo di fare entrare a Palazzo Chigi la Destra più oscurantista della storia repubblicana, oppure provare a seguire Conte sui punti programmatici sottolineati dallo stesso premier dimissionario.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA