L'Editoriale

Una Sinistra che ama i disoccupati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se c’è un ministro che questo giornale ha criticato senza sosta, secondo in classifica solo ad Alfano, questo è Poletti. Da responsabile del Lavoro ha varato una legge fondamentale come il Jobs Act, mettendoci dentro molto meno coraggio e sostegno alle imprese rispetto alla bisogna di un Paese con l’elettroencefalogramma dell’occupazione piatto. I risultati sono quelli che abbiamo visto: quando gli sgravi contributivi si sono ridotti è arrivato un sostanziale stop alle assunzioni. Chiacchierone spesso a sproposito, l’ex uomo delle coop ha spiegato che per trovare lavoro più dello spedire inutilmente curriculum serve costruirsi un bacino di relazioni, anche giocando a calcetto. Un paradosso contro il quale si è subito scagliata tutta l’ipocrisia italica, a partire dalla Sinistra. Puntare sulle amicizie anziché sul merito è un messaggio sicuramente sbagliato. Ma bisogna essere in mala fede per asserire che il ministro volesse invitare a non prepararsi. Come sono in mala fede tutti quelli che gridano allo scandalo mentre poi mandano i figli a cercare un posto dall’amico di famiglia. Perchè il lavoro si trova anche così. E chi dice il contrario mente sapendo di mentire.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA