Elezioni comunali, Cinque Stelle asfaltati. A Genova, L’Aquila, Padova e Lecce ballottaggio centrodestra-centrosinistra. Vendetta Pizzarotti a Parma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Movimento 5 Stelle e fuori dai ballottaggi dei 4 capoluoghi di Regione: Genova, L’Aquila, Palermo e Catanzaro. I risultati delle elezioni Comunali arrivano a sorprese, smontando in parte le ambizioni di successo di Beppe Grillo, che perde male nella “sua” Genova nonostante l’impegno personale con la presenza agli ultimi comizi. A Palermo Leoluca Orlando sbaraglia la concorrenza (per l’elezione basta essere sopra il 40% vista la particolare legge elettorale in vigore): anche in questo i 5 Stelle hanno ottenuto un risultato inferiore alle aspettative con Ugo Forello solo sopra il 16%.

Il dato sull’affluenza si è attestato al 60,1%, in netto calo rispetto a quello precedente quando si era recato al voto il 66,8% degli aventi diritto.

I risultati nel dettaglio delle elezioni Comunali 2017

A Genova vanno al ballottaggio del 25 giugno i candidati del Centrodestra Marco Bucci con il 38,8% e il rivale di Centrosinistra Gianni Crivello con il 33,4%. Marco Pirondini, scelto direttamente da Grillo, non è andato oltre il 18,1%. Malissimo comunque Marika Cassimatis, vincitrice delle primarie del M5S, ferma al’1%. Molto significativo, però, è anche il dato sull’affluenza al 48,4% in flessione di oltre 7 punti percentuali.

A Parma, il sindaco uscente Federico Pizzarotti uscito dal Movimento e al 34,8%  e al secondo turno se la vedrà con Paolo Scarpa del centrosinistra che è al 32,7%. Decisivi i voti del Centrodestra che con Laura Cavandoli è arrivato al 19,3%. Daniele Ghirarduzzi dei 5 Stelle è appena sopra il 3%.

A Verona Federico Sboarina (centrodestra) ha chiuso in testa il primo turno con il 29,3% dei voti: al ballottaggio troverà Patrizia Bisinella, compagna del sindaco uscente Patrizia Bisinella (civica) (ex Lega) che con il 23,6% ha spinto al terzo posto Orietta Salemi (centrosinistra). Il grillino Alessandro Gennari si è attestato al 9,5%.

A Catanzaro lo scrutinio è ancora in corso: Sergio Abramo (centrodestra) è in testa con 39,1% davanti al Centrosinistra guidato da Vincenzo Ciconte al 33%: Nicola Fiorita (Civica) è al 24%. A Palermo il sindaco uscente, Leoluca Orlando, è al 46% delle preferenze dopo un terzo dello spoglio delle schede, mentre Fabrizio Ferrandelli (centrodestra) è al 31,6%%. Il fondatore di Addiopizzo Forello (m5S) è poco sopra il 16%.

A L’Aquila alla seconda tornata vanno Americo Di Benedetto (centrosinistra) 46,5%, a cui non riesce la vittoria al primo colpo, e Pieluigi Biondi (centrodestra) 35,3%.

VEDI QUI TUTTI I RISULTATI COMUNE PER COMUNE 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA