Dodici milioni di italiani al voto in 1.192 comuni. Corsa al sindaco in 20 capoluoghi. Le sfide principali a Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna e Trieste

elezioni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Urne aperte da stamani in 1.192 comuni (qui lo speciale elezioni del Viminale) per le amministrative, 20 dei quali sono capoluoghi. In totale, in Italia, sono chiamati a votare oltre 12 milioni di cittadini. I seggi resteranno aperti dalle 7 alle 23 di oggi (3 ottobre); domani (4 ottobre) dalle 7 alle 15. Sei i capoluoghi di Regione coinvolti: Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Trieste. Si vota anche a Benevento, Carbonia, Caserta, Cosenza, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona e Varese. L’eventuale turno di ballottaggio per l’elezione diretta dei sindaci, che riguarda solo i 119 Comuni interessati dal voto con più di 15mila abitanti, si svolgerà domenica 17 e lunedì 18 ottobre.

Oggi e domani si svolgeranno anche le elezioni regionali in Calabria per il presidente di Regione (a turno unico). Inoltre, si vota anche alle elezioni suppletive per la Camera dei Deputati in due collegi uninominali: a Siena, dove il segretario del Pd Enrico Letta (leggi l’articolo) corre per il posto lasciato libero da Piercarlo Padoan (andato alla presidenza di Unicredit), e Roma-Primavalle (203mila gli aventi diritto al voto), per il posto lasciato libero da Emanuela Del Re, nominata rappresentante speciale dell’Ue in Sahel.

Le sfide clou sono a Roma, la Capitale d’Italia e a Milano, la “capitale” economica, ma anche altre importanti città sono chiamate al voto domani e lunedì: Torino, Bologna, Napoli, ben 14 capoluoghi di provincia e 1.192 comuni in cui si vota per eleggere sindaco e consiglio comunale.

A Roma, dove le liste presentate sono complessivamente 39, sei delle quali a sostegno della sindaca uscente Virginia Raggi. A sfidarla saranno l’ex ministro dell’Economia, il dem Roberto Gualtieri (7 liste), Enrico Michetti (centrodestra) e il leader di Azione, Carlo Calenda con una sola lista.

A Milano il sindaco Beppe Sala, sostenuto da otto liste, dovrà vedersela con Luca Bernardo per il centrodestra e con la manager Layla Pavone per il M5S. Tra i candidati anche anche un no vax della lista del Movimento 3V. La capolista della Lega è la presidente di Federfarma Lombardia Annarosa Racca, quello di FdI è il giornalista Vittorio Feltri.

A Napoli Complessivamente sono sette i candidati sindaco: oltre a Gaetano Manfredi (Pd e M5s) e Catello Maresca, c’è Antonio Bassolino e Matteo Brambilla (dissidenti 5s). Non manca un aspirante primo cittadino del movimento 3V, area no vax e no Green pass.

Diciannove le liste presentate a Bologna, a sostegno di otto candidati. Matteo Lepore, sostenuto da Pd e 5s, schiera, oltre alla sardina Mattia Santori, la prof di Patrick Zaki, Rita Monticelli. L’avversario di centrodestra è Fabio Battistini. Il candidato Andrea Tosatto è sostenuto da 3V – Verità libertà.

A Torino le liste sono 30 a sostegno di 13 candidati sindaco, tra cui Stefano Lo Russo per il centrosinistra, Paolo Damilano per il centrodestra e Valentina Sganga per il M5s. Tra le altre, anche qui spunta la 3V per la libertà vaccinale.