Elezioni in Sicilia, Gela e Caltanissetta andranno al ballottaggio insieme ad altri tre comuni dei sette in cui si è votato. Affluenza in forte calo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sicilia al voto per le comunali. In 5 comuni su 7 si andrà al ballottaggio. Dopo la chiusura dei seggi nei 34 comuni chiamati al voto per rinnovare sindaci e consigli si registra, in particolare, un forte calo dell’affluenza: ha votato il 56,86%, pari a 248.243 elettori su 436.567 aventi diritto. A Caltanissetta, unico capoluogo al voto, è andato alle urne il 56,70% degli elettori l’8,16% in meno rispetto alle precedenti comunali. A Castelvetrano, comune sciolto per mafia e feudo del boss Matteo Messina Denaro, il calo dei votanti è pesante: ha votato il 55,28% degli elettori, il 20% in meno delle precedenti comunali.

A Gela (Caltanissetta) ha votato il 58,40% degli elettori, il 10,20% in meno rispetto alle scorse comunali. Ad Aci Castello (Catania) ha votato il 58,41% dei chiamati alle urne, il 13,32% in meno rispetto alle scorse elezioni. A Roccamena (Palermo) ha votato il 40,18% degli elettori, il 17,32% in meno di quanti avevano votato alle ultime comunali. A Monreale (Palermo) il calo dei votanti è del 9,42% e a Mazara del Vallo (Trapani) del 7,72%.

A scrutinio ancora in corso, i dati parziali indicano una battuta d’arresto del M5S nei comuni dove il Movimento aveva vinto le ultime amministrative (Bagheria e Gela), un buon risultato della Lega anche se non sfonda rispetto alle piazze strapiene che avevano accolto Matteo Salvini e la buona affermazione dei candidati frutto delle “strane alleanze” fra centrodestra e centrosinistra.

A Bagheria, comune che non andrà al secondo turno, ha superato la soglia del 40% il candidato Filippo Tripoli (46%), sostenuto dal centrosinistra e da un pezzo di centrodestra, seguito dal candidato del centrodestra e della Lega, Gino Di Stefano (32%), mentre il M5s, che ha amministrato il comune negli ultimi cinque anni, con Romina Aiello si ferma intorno al 10%. Anche ad Aci Castello la sfida elettorale si risolve al primo turno: eletto il candidato appoggiato dal Pd e da liste civiche, Carmelo Camillo Scandurra, con il 53,74%. Scandurra ha battuto la candidata del centrodestra, Ignazia Clara Carbone che si è fermata al 30,88%.

A Caltanissetta andranno al ballottaggio Michele Giarratana (37% circa), appoggiato dal centrodestra, e Roberto Gambino (20%) del M5s; Oscar Aiello della Lega è quarto, dietro a Salvatore Messana del centrosinistra. Anche a Gela, sarà sfida al secondo turno tra Lucio Greco (37%), sostenuto dall’alleanza tra un pezzo di Forza Italia e Pd, e Giuseppe Spata (31%), candidato della Lega, appoggiato dal centrodestra e dai dissidenti di Fi. Il M5s, che aveva vinto cinque anni fa, con il candidato Simone Morgana, si ferma al 14% (quarto).

A Castelvetrano si sfideranno al ballottaggio Calogero Martire (29%) del centrodestra ed Enzo Alfano (28%) del M5s. Si ferma attorno al 17% invece Pasquale Calamia, candidato del Pd. A Mazara del Vallo andranno al secondo turno Salvatore Quinci (33%) sostenuto da liste civiche e Giorgio Randazzo (21,1%), il candidato della Lega. A Monreale il duello al ballottaggio sarà tra Alberto Arcidiacono (24%), autonomisti e Diventeràbellissima, e l’uscente Pietro Capizzi (23%), appoggiato da una parte del Pd e del centrodestra.

“Le amministrative in Sicilia – ha commentato il leader del M5S Luigi Di Maio – hanno ancora una volta dimostrato la solidità del M5S. Quando si gioca ad armi pari e anche gli altri corrono con una sola lista mostriamo tutta la nostra solidità, ma la grande soddisfazione è essere arrivati al ballottaggio nell’unico capoluogo di provincia al voto: Caltanissetta. Senza contare il ballottaggio nel Comune di Matteo Messina Denaro, Castelvetrano, a dimostrazione dei nostri anticorpi su legalità e lotta alla mafia. Il cambiamento continua”.

“Grazie ai siciliani perché mi hanno regalato – ha detto invece il leader della Lega Matteo Salvini -, ci hanno regalato, si sono regalati un’emozione, una voglia di cambiamento. E’ una scelta che solo a parlarne due-tre anni fa sarebbe stato fantascienza. Vuol dire che quello che facciamo al governo piace dal Nord al Sud”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA