Emergenza casa, nella Capitale è caos totale. La Raggi assicura: “Prima a chi aspetta da decenni”. Rivolta dei movimenti per il diritto ad abitare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Roma ai romani. Questa la direttrice seguita dalla sindaca della Capitale, Virginia Raggi, che per non perdere ulteriormente appeal sul tema casa è stata chiara schierandosi dalla parte dei cittadini della sua città: “Noi sul tema dell’emergenza abitativa dobbiamo dare priorità a chi sta aspettando una casa da decenni”. La sindaca ha partecipato oggi alla riunione in Prefettura sull’emergenza abitativa ribadendo la volontà della sua Giunta di dare la priorità alle persone fragili, ossia agli anziani, i disabili e le mamme con bambini. “Tutte le istituzioni sono concordi – ha concluso – nel dire che non bisogna scatenare guerra tra poveri, questa è la posizione ufficiale”.

I movimenti per il diritto alla Casa invece credono che concretamente a restare per strada saranno sia gli eritrei che tutti i romani che prima una casa non ce l’avevano e che quindi non ce l’avranno. “La soluzione proposta è quella del circuito dell’accoglienza del Comune di Roma che è riservato esclusivamente a quelle che vengono definite fragilità”, hanno sottolineato in una nota i Movimenti per il Diritto all’abitare, “cioè donne incinte separate dai mariti, gli anziani disabili separati. Non c’è nient’altro”.