Emergenza maltempo, Conte: “Ci sono 11 miliardi per proteggere il territorio. Ora però dobbiamo spendere questi soldi e accelerare con opere e cantieri”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per la protezione del territorio “sono stati stanziati undici miliardi su base pluriennale: ora però dobbiamo spendere questi soldi e accelerare con tutte le opere e i cantieri”. Così il premier Giuseppe Conte a margine di una visita allo stabilimento Fca di Melfi parlando dell’emergenza maltempo. “Già dalla fine del 2018 – ha aggiunto il presidente del Consiglio – ho cercato di spingere molto per adottare all’inizio di quest’anno il Piano proteggi-Italia. Ora è chiaro che bisogna lavorare molto anche sulla prevenzione e non solo sulla gestione delle emergenze. E non significa che l’adozione di un piano risolve i problemi: sono stati stanziati 11 miliardi su base pluriennale, però ora dobbiamo spendere questi soldi e accelerare con tutte le opere e i cantieri”.

“Sono in stretto contatto con il ministro De Micheli che è in Liguria. Questo fine settimana – ha detto ancora Conte – il ministro Di Maio è stato in Sicilia. Ovviamente il Governo è vicinissimo alle popolazioni colpite. Io stesso questo fine settimana sono stato in costante aggiornamento con tutte le situazioni di emergenza: Piemonte, Liguria, Calabria, Campania, dappertutto. Stiamo monitorando tutte le situazioni e siamo in costante rapporto con la macchina dei soccorsi. Le situazioni più pericolose in questo momento si stanno diradando. Ma è chiaro che dobbiamo mantenerci vigili”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA