Emergenza migranti, ora l’Austria è pronta ad alzare una barriera sul Brennero. Controlli rigidi anche per la registrazione dei profughi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Austria è pronta ad alzare i muri contro i migranti. Con una barriera fisica al passo del Brennero. Un piano già pronto quello del paese austriaco per fermare l’invasione. Ma oltre al blocco, il piano prevede una corsia dedicata alla registrazione dei migranti. Le misure allo studio sono state realizzate dalla polizia del Tirolo e dai responsabili del management di confine di Spielfeld (tra Austria e Slovenia) dove è già presente un sistema di recinzioni.

IL PIANO
Le barriere con recinzioni sono finalizzate a evitare la fuga incontrollata sull’autostrada. Il piano si è reso necessario perché, stime alla mano, nei prossimi mesi l’Austria dovrebbe raggiungere il limite massimo di accoglienza come spiegato dal ministro degli Esteri austriaco, Sebastian Kurz. I numeri evidenziano che, finra, sono stati accolti in territorio austriaco 90mila richiedenti asilo nel 2015.Per il 2016 ne possono essere accolti al massimo altri 45mila.Dell’emergenza se ne è parlato anche oggi a Palazzo Chigi dove c’era ospite il cancelliere austriaco Werner Faymann, che ha cheisto sostegno all’Europa e anche a Matteo Renzi: “L’Austria non può gestire da sola l’emergenza migranti, né possono farlo quattro o cinque Paesi: o lo facciamo insieme nell’Unione europea o chi ha diritto all’asilo non potrà più ottenerlo. Noi in Austria non crediamo che questa solidarietà si verifichi dall’oggi al domani. Crediamo a una soluzione, ma nel frattempo dovremo controllare i confini”.