Energia dagli alberi potati, fallito il piano di Roma. Il Tar conferma lo stop del finanziamento milionario al Campidoglio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Produrre ricchezza dalla sporcizia a Roma sembra impossibile. E altrettanto difficile sembra gestire i rifiuti della Capitale nel territorio comunale. Anche quando sul piatto c’è un progetto milionario. L’ennesimo flop nell’ecobusiness romano arriva con l’utilizzo delle potature degli alberi, che dovevano servire a produrre energia. Il piano messo a punto durante la consiliatura di Gianni Alemanno è naufragato, la Regione Lazio ha revocato il tesoretto che aveva messo sul piatto, fatto di circa 12 milioni di euro, e il Tar ha bocciato il ricorso del Campidoglio, confermando le scelte fatte dall’ente presieduto da Nicola Zingaretti.

Il 9 marzo 2010 il Comune di Roma e la Regione avevano sottoscritto un accordo per portare avanti il “Progetto biomasse”. L’Università di Tor Vergata avrebbe dovuto realizzare un impianto di valorizzazione energetica e le potature degli alberi della capitale sarebbero state trasformate in energia, con un progetto che avrebbe dovuto sviluppare l’Ama.

Il Campidoglio si è però limitato a potare gli alberi, l’Università non ha costruito alcun impianto e le potature sono finite in minima parte nell’impianto di compostaggio di Maccarese e il resto è stato spedito a Termoli, in Molise. Altro che filiera corta dei rifiuti alla base dell’accordo. La Regione ha quindi revocato prima in parte e poi del tutto i fondi. Il Comune ha impugnato i provvedimenti, sostenendo che gli alberi erano stati comunque potati. Una difesa debole, che non ha fatto breccia al Tar. Ricorso respinto e finanziamenti addio.