Epifani: Alfano faccia gruppi autonomi. Il segretario del Partito democratico invita i diversamente berlusconiani a trasformare le parole in fatti staccandosi dal Cav. Darebbero più forza alla maggioranza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se Alfano costituisce i gruppi autonomi è tutto più chiaro. Darebbero molta più forza e coesione alla maggioranza. Non è tanto un problema di durata del governo, ma di qualità della sua azione. Perché il pericolo è di finire di nuovo nel pantano che c’è”. Lo ha detto il segretario del Pd Guglielmo Epifani in un’intervista a ‘La Repubblica’.

Il premier finora ha preso tanti provvedimenti importanti ma con risorse limitate – ha aggiunto Epifani – Ma con la legge di stabilità il governo deve dare la sua impronta di politica economica, facendo delle scelte nette”. E su Berlusconi dice: “Al momento, la sua sconfitta è piena. Dal voto di mercoledì sono usciti rafforzati Letta e il Partito democratico. Ci vado cauto con i sondaggi, ma quelli arrivati oggi sulla mia scrivania sono molto chiari: il Pd raggiunge percentuali che non si vedevano da tempi immemorabili. L’idea di far cadere l’esecutivo su un terreno scivoloso come la decadenza, ha provocato una sconfitta sonora di Berlusconi. Mentre ha vinto la determinazione del Pd sulla linea ‘tutti i cittadini sono uguali davanti alla legge’. Detto questo, vediamo se Alfano si prende il Pdl o fa dei gruppi nuovi. Se chi voleva far cadere il governo tornasse a sostenerlo, sarebbe più difficile andare avanti. Meno condizionamenti significa priorità più chiare e più forti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Magistrati o politici double face

Milano e l’Italia che conta si cuociono le mani per applaudirlo, con la supplica di restare (leggi l’articolo). Tra pochi minuti alla Scala va in scena il Macbeth, e Shakespeare è inarrivabile nel farci riflettere sul prezzo del potere. Mattarella ringrazia e a quanto se

Continua »
TV E MEDIA