Estorsioni e riciclaggio, arresti e sequestri nella Capitale. In manette anche l’ex senatore De Gregorio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

C’è anche l’ex senatore del Pdl, Sergio De Gregorio, tra le persone arrestate questa mattina, a Roma, nell’ambito di un’indagine condotta dalla Squadra Mobile su un presunto giro di estorsioni e riciclaggio. L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Ilaria Calò e dal sostituto Francesco Minisci della Dda di Roma, ha fatto luce su una serie di società create per riciclare denaro ed estorcere denaro alle attività che operano Centro di Roma. Sono ritenuti, a vario titolo e in concorso tra loro, responsabili di estorsione aggravata, autoriciclaggio e riciclaggio.

La Polizia ha sequestrato beni e società per un valore di circa 480mila euro. Oltre a De Gregorio, in carcere sono finiti anche Antonio e Vito Frascella, entrambi ex appartenenti alla Marina militare, Giuseppina De Iudicibus e Michela Miorelli. Domiciliari per Vito Meliota e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Michelina Vitucci. Irreperibile e attualmente ricercato Corrado Di Stefano, destinatario della misura cautelare degli arresti domiciliari.

Secondo il Gip di Roma, Antonella Minunni, l’ ex Pdl De Gregorio “ha una caratura criminale e scaltrezza davvero eccezionale” e si “conferma punto di riferimento indiscusso, lo stratega del gruppo, sempre pronto a ‘sistemare’ le cose. “E’ lui – si legge ancora nell’ordinanza di custodia cautela – che risolve le questioni sorte all’interno del gruppo e che suggerisce ogni volta le strategie difensive. E’ recidivo avendo riportato, tra l’altro, condanne per corruzione in atto contrario ai doveri d’ufficio”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA