Eternit, 2 mila morti senza giustizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alessandro Righi

Oltre duemila morti. Ma nessun colpevole. No, non è un film dell’orrore. Né conseguenza di un cataclisma naturale. Ma è la triste realtà. Perché la Cassazione ha annullato senza rinvio, dichiarando prescritto il reato, la sentenza di condanna per il magnate svizzero Stephan Schmidheiny nel maxiprocesso Eternit. Sono stati annullati anche i risarcimenti per le vittime. La prescrizione è maturata al termine del primo grado.

CONCLUSIONE BEFFARDA
Una beffa amara, troppo amara, per i tanti familiari delle migliaia di vittime per mesotelioma pleurico, il tumore provocato dall’inalazione di polveri d’amianto nei quattro stabilimenti italiani della multinazionale elvetico-belga di Casale Monferrato, Cavagnolo in provincia di Torino Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). Soprattutto dopo che in primo grado erano stati “illusi” da una sentenza pesante e giusta, dato che l’imprenditore era stato condannato a 18 anni di reclusione. Nessuno, in effetti, avrebbe mai potuto immaginare una conclusione così beffarda. Non fosse altro che per una questione di date. I fatti risalgono addirittura al 1966. Ci sono stati oltre 40 anni di ricostruzioni prima che le indagini del procuratore aggiunto Raffaele Guariniello potessero portare al processo imbastito nel 2009. E senza dimenticare che, secondo l’accusa, i vertici di Eternit erano a conoscenza almeno dagli anni ‘70 degli effetti letali dell’amianto.

ALTRI MORTI
E dunque? Colpevole o non colpevole? Bisogna andare a riprendere le parole di oggi del pg per capire come stanno le cose. “Per me l’imputato è responsabile di tutte le condotte che gli sono state ascritte”, ha dichiarato significativamente. Insomma, Schmidheiny è stato salvato solo e soltanto dalla prescrizione. Perché le colpe sono evidenti. Secondo la tesi del pg, infatti, il reato sarebbe cessato quando la Eternit ha smesso di inquinare (lo stabilimento di Casale è stato chiuso nel 1986), mentre la tesi dei giudici di primo grado è che continui finché ci sono decessi. Dato che il mesotelioma pleurico ha un tempo di latenza di diversi decenni prima che si manifesti, secondo questa tesi il disastro è ancora in corso. Anzi, il picco delle morti è previsto dal 2020. Probabilmente, dunque, ci saranno altri morti. Che resteranno senza colpevole. Ancora una volta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA