Ex Ilva, Conte a Taranto. Momenti di tensione al suo arrivo. “Non abbiamo la soluzione in tasca. La cosa certa è che ArcelorMittal restituisce la fabbrica. Dobbiamo valutare alternative”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il premier Giuseppe Conte ha incontrato, nel pomeriggio di oggi a Taranto, delegazioni di operai dell’acciaieria ex Ilva e di residenti. Non sono mancati momenti di tensione all’arrivo del premier. Alcuni tarantini gli hanno urlato contro, chiedendo la chiusura dello stabilimento. “Sono qui oggi per parlare con tutti”, ha detto il presidente del Consiglio, quando è tornata la calma. La tensione si è poi sciolta, e il premier ha ascoltato diverse testimonianze e rivendicazioni. “Non abbiamo la soluzione in tasca. La cosa certa – ha detto il presidente del Consiglio – è che ArcelorMittal restituisce la fabbrica. Dobbiamo valutare alternative. Nei prossimi giorni vedremo come andrà interlocuzione e come si definirà. Dobbiamo sfruttare qualsiasi situazione. In questo momento – ha detto ancora il premier – non ho un progetto alternativo da offrire, valutiamo tutto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA