L’ex senatore Pittelli a processo per ‘ndrangheta. Il forzista è accusato di concorso esterno nell’inchiesta Rinascita Scott

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dovrà difendersi dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa l’ex senatore forzista e avvocato Giancarlo Pittelli (nella foto). Come stabilito dal giudice per l’udienza preliminare di Catanzaro che ha accolto la richiesta avanzata dai difensori dell’indagato, coinvolto nella maxi-inchiesta Rinascita-Scott del procuratore Nicola Gratteri sulle commistioni tra ndrangheta, politica e massoneria, il procedimento nei confronti di Pittelli sarà celebrato con il rito immediato.

Assieme a lui il prossimo 9 novembre, davanti al Tribunale collegiale di Vibo Valentia, andranno a giudizio anche altri tre imputati ossia Mario Lo Riggio, Salvatore Rizzo e Giulio Calabretta. Stando a quanto ricostruito dai pm della Dda di Catanzaro, Pittelli era il trait d’union tra ndrine e politica tanto che gli stessi inquirenti, nel fascicolo d’indagine, lo hanno definito come l’affarista massone dei boss della ‘ndrangheta calabrese” che con lui è riuscita a relazionarsi “con i circuiti bancari, con le società straniere, con le università e con le istituzioni tutte”.

Sempre dalle carte dell’inchiesta emerge che l’ex politico di Forza Italia è stato più volte nominato dai boss come loro avvocato “in quanto capace di mettere mano ai processi con le sue ambigue conoscenze e rapporti di ‘amicizia’ con magistrati”. Non solo. Per i magistrati, Pittelli avrebbe messo a disposizione dei clan del Vibonese, come i Mancuso di Limbadi e Nicotera, i suoi “canali” ed i suoi “agganci” per rafforzare il loro potere mafioso.