Expo, anche la Corte dei Conti apre un’inchiesta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La procura regionale della Corte dei conti per la Lombardia ha avviato un’indagine per accertare possibili profili di danno erariale nella gestione della gare di appalto per Expo 2015 in seguito all’inchiesta della procura di Milano sulla cosiddetta ‘cupola degli appalti’.

Da quanto si legge in una nota della procura regionale della Corte dei conti, l’inchiesta su possibili profili di danno erariale è “in stretta connessione con i recenti provvedimenti della magistratura penale in materia di gestione delle gare di appalto di Expo 2015”. Nel comunicato inoltre si afferma che “l’odierna inchiesta si affianca alla recente indagine in corso relativa alla truffa ai danni della Regione tramite Infrastrutture Lombarde per svariate illegalità nell’attività contrattuale, nonché sui numerosi fascicoli aperti sugli appalti negli ospedali lombardi, attualmente in fase istruttoria”.

Per le indagini su Expo e su Infrastrutture Lombarde è stato costituito un apposito pool di magistrati contabili guidato dal procuratore regionale Antonio Caruso e che si avvarrà dell’ausilio del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano.

La procura di Milano, intanto, ha dato parere negativo alla richiesta di arresti domiciliari avanzata da Angelo Paris l’ex manager di Expo finito in carcere nell’inchiesta sulla ‘cupola degli appalti’. Secondo i pm pur avendo fatto ammissioni davanti al gip deve ancora chiarire molti aspetti della vicenda. Angelo Paris, secondo i pm Claudio Gittardi e Antonio D’Alessio, allo stato ha fatto ammissioni ma sommarie. Lunedì scorso infatti l’ex manager di Expo, durante l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Fabio Antezza, aveva cominciato a dare chiarimenti spiegando che si era fatto coinvolgere nel “sistema” organizzato dalla “cupola degli appalti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA