Expo, la fiera dei lavori in corso. Sfida contro il tempo. A dieci giorni dal via sono pronti solo 30 padiglioni su 54

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Corsa contro il tempo per concludere i lavori in vista di Expo. Il Padiglione Italia non è pronto ed è uno dei più indietro sui lavori. Finora sono stati finiti 30 padiglioni su 54. Insomma a dieci giorni dall’inizio dell’esposizione universale non è affatto un dato rassicurante.  Getta acqua sul fuoco il commissario unico di Expo, Giuseppe Sala, che prova a rassicurare: “Alla fine sono convinto che sarà tutto pronto”. Speriamo bene. Sala non ha nascosto le difficoltà insite ai lavori pubblici in Italia. Anzi ha detto: “Ci confrontiamo con una difficoltà nel gestire i lavori pubblici in Italia che deriva veramente da un eccesso di regole di burocrazia. Non è che l’eccesso di regole poi vieta che succedano fatti illeciti. Per cui io penso che vada molto ripensato il sistema con cui si gestiscono i lavori pubblici in Italia”.

Qualche segnale positivo arriva dai biglietti. Sala si dice sicuro che prima dell’apertura sarà raggiunta la quota di 10 milioni di biglietti venduti. “Puntiamo a venderne 24 milioni, cioè 20 milioni di visitatori e 24 milioni di biglietti perché ci saranno visite ripetute. Stiamo preparando un Expo sicuro”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA