Fase 3, Conte: “I numeri sono incoraggianti, il trend dei nuovi casi è in costante diminuzione in tutte le regioni. La crisi deve essere un’occasione per ridisegnare il Paese”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Questa crisi deve essere un’occasione per superare i problemi strutturali e ridisegnare il Paese”. E’ quanto ha detto il premier, Giuseppe Conte, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Dobbiamo fare i conti con l’emergenza economica e sociale. Ci rendiamo conto dei ritardi – ha aggiunto il presidente del Consiglio -, ci rendiamo conto che ci stiamo confrontando con una legislazione che non era affatto pronta a erogazioni così generalizzate. Di questi ritardi ho chiesto già scusa e stiamo intervenendo per pagare più velocemente bonus e ammortizzatori sociali”.

“A distanza di circa un mese dal 4 maggio – ha detto ancora Conte -, i numeri sono incoraggianti, il trend dei nuovi casi è in costante diminuzione in tutte le Regioni”. Questo “dimostra che la strategia adottata è quella giusta”, ha aggiunto Conte spiegando che “le aperture progressive stanno funzionando”.

“Colgo un rinnovato entusiasmo – ha detto ancora il presidente del Consiglio -, c’è grande attenzione per questa socialità ritrovata: giustissimo, ci meritiamo il sorriso e l’allegria dopo settimane di sacrifici ma è bene ricordare sempre che se siamo tra i primi Paesi Ue che può permettersi di riavviare le attività è perché abbiamo accettato tutti insieme di compiere dei sacrifici, dico solo: facciamo attenzione le uniche misure efficaci sono il distanziamento fisico e le mascherine. Dire che il virus è scomparso è una grave leggerezza. Ora ci dovrà essere un nuovo inizio, abbiamo il dovere di agire con lo spirito del 2 giugno”.

“Dobbiamo cogliere l’opportunità dei fondi europei – ha aggiunto il premier – che dobbiamo saper spendere bene. Stiamo lavorando sul Recovery Plan. Il rimpasto di governo non ha nulla a che vedere con il progetto di rinascita per il paese. Se si tratta di confrontarsi con l’opposizione assolutamente sì”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA