Fassina ferito durante una carica della Polizia mentre si trovava con i lavoratori di Roma Metropolitane che rischiano il licenziamento. Il parlamentare di Leu è in ospedale

dalla Redazione
Politica

Il deputato Leu e consigliere capitolino di Sinistra per Roma, Stefano Fassina, è rimasto coinvolto negli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine avvenuti nel pomeriggio di oggi davanti alla sede di Roma Metropolitane, presidiata da alcuni lavoratori a rischio licenziamento.

Il parlamentare, secondo una prima ricostruzione dei fatti, è stato travolto nel corso di una carica della Polizia ed è caduto a terra insieme a un lavoratore, svenuto per un malore. Fassina è stato soccorso dal 118 e trasportato all’ospedale San Giovanni dove è stato sottoposto a una radiografia per una sospetta contusione toracica.

“Qualcuno nelle prossime ore dal Viminale dovrà spiegare a tutti noi – ha detto Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu -, al Parlamento e all’opinione pubblica perché nel 2019 lavoratori che difendono il proprio posto di lavoro siano picchiati dalle forze dell’ordine, che rappresentanti sindacali e parlamentari vengano feriti, come si vede chiaramente dai video e dalle foto degli organi di informazione”.

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha chiesto al capo della Polizia di “accertare quanto accaduto nel pomeriggio di oggi davanti alla sede di Roma Metropolitane dove era in corso una manifestazione di alcuni lavoratori”. Il ministro, in particolare, ha chiesto a Franco Gabrielli di “verificare se l’intervento delle forze di polizia presenti sia stato svolto in maniera corretta e senza violazioni di legge”.