Femminicidio a Caltagirone. Uccide la convivente nel sonno a coltellate. Subito dopo l’uomo si è costituito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora un femminicidio. La notte scorsa a Caltagirone (Catania) un uomo ha accoltellato la convivente nel sonno e poi si è costituito consegnandosi ai carabinieri. Salvatore Pirronello ha colpito Patrizia Formica con quattro colpi di coltello.

Eppure sul profilo Facebook della vittima registra frasi che non avrebbero mai fatto pensare a un epilogo del genere. E che anzi avrebbero fatto pensare a una domenica passata in totale armonia. Anche per questo motivo, finora, non è assolutamente ipotizzabile cosa abbia fatto scattare il folle gesto di Pirronello.

L’uomo aveva anche un precedente per rapina per un reato commesso tanti tanti anni fa, quando aveva 17 anni. Fece parte del gruppo di banditi che rapinò i passeggeri dell’autobus di linea Catania-Palermo; una rapina che finì male con l’uccisione dell’autista, Giuseppe Savarino, e dell’avvocato Enzo Auteri, che era stato presidente della Provincia di Catania. Pirronello fu processato soltanto per rapina dal tribunale dei minorenni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA