Ferito in Siria il fotografo italiano Gabriele Micalizzi. Colpito al volto dalle schegge di un razzo. Non è in pericolo di vita

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il fotografo italiano Gabriele Micalizzi, 34 anni, milanese, è rimasto ferito in Siria, nella zona di Deir el-Zor dove stava documentando l’offensiva curdo-araba, appoggiata dagli Usa, contro l’ultima sacca di resistenza dell’Isis nel Paese. Micalizzi, le cui condizioni inizialmente sembravano molto gravi, non è in pericolo di vita e secondo quanto ha riferito il Rojava information center sarà rimpatriato quanto prima in Italia. Il 34enne, sempre secondo le stesse fonti, è stato ferito “in modo non serio da schegge di un razzo”.

Micalizzi è molto noto a livello internazionale proprio per i suoi reportage di guerra. Diplomato all’Accademia di Belle Arti, le sue foto sono pubblicate dal New York Times, New Yorker, Newsweek, Wall Street Journal e, in Italia, da Espresso, Repubblica, Internazionale e Corriere della Sera. Ha fondato il collettivo di fotografia Cesura Lab insieme a Luca Santese e Andrea Rocchelli, quest’ultimo ucciso in Ucraina nel 2014.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA