Il fiasco della Giustizia penale. Poche sentenze e tanti rinvii. Solo il 20,7% dei procedimenti si conclude. Gli altri naufragano per mille inefficienze

Giustizia processi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Che la Giustizia penale italiana sia tutt’altro che celere, è noto a tutti. Quello che nessuno avrebbe immaginato è l’entità del problema che, stando all’ultimo report di Eurispes in collaborazione con l’Unione Camere Penali (qui il focus), ha i contorni del film horror. Già perché dall’indagine che ha preso in esame 32 Tribunali ed ha monitorato 13.755 processi, è emerso che in primo grado, solo un quinto (20,7%) dei procedimenti arriva a sentenza.

DATI SHOCK. “Nel 78,7% dei casi, il procedimento termina con il rinvio ad altra udienza” e “la durata media del rinvio si attesta intorno ai 5 mesi per i procedimenti in Aula monocratica e 4 mesi per quelli collegiali”. Rispetto al 2008, aumenta “la percentuale dei rinvii ad altra udienza (+9,4%: nel 2008 la quota era del 69,3%)” mentre “l’incidenza delle sentenze è scesa dal 29,5% al 20,7%”. Guardando ai soli procedimenti terminati in sentenza, “le assoluzioni rappresentano poco meno del 30%: di questi, il 3,7% è rappresentato da assoluzioni“ per particolare tenuità del fatto mentre “le condanne incidono per il 40,4% delle sentenze”.

Un dato, questo, che viene sottolineato come particolarmente emblematico perché nettamente più basso del 2008 quando le condanne incidevano per il 60,6% sul totale. Al contrario, risulta molto più elevata la quota relativa “all’estinzione del reato: 24,5%, a fronte del 14,9% del 2008”. Sempre secondo la ricerca, “la prescrizione è un motivo di estinzione del reato che incide per il 10% sui procedimenti arrivati a sentenza e rappresenta poco più del 2% del totale dei processi monitorati”.

Per quanto riguarda i rinvio ad altra udienza, la ricerca rileva che, ad eccezione dei motivi fisiologici, nell’8,3% dei casi dipendono dall’assenza dei testi citati dal pm, nel 6,2% dall’omessa o irregolare notifica all’imputato, nel 3,3% dall’assenza del Giudice titolare. Si tratta di dati che dimostrano come “l’inconcludenza della larga parte dei procedimenti penali” è dovuta a “lungaggini ed inefficienze” e che “le disfunzioni del dibattimento, ed in particolare la sua abnorme durata, sono in primo luogo conseguenza del dissesto degli apparati giudiziari e della disorganica gestione degli stessi”.

Per questo il Presidente dell’Unione delle Camere Penali, Gian Domenico Caiazza, ritiene che “non è serio affrontare i temi del processo per slogan o per pregiudizi ideologici” perché “questa ricerca fotografa le vere cause della durata irragionevole dei processi penali in Italia; che non risiedono nelle regole di garanzia del giusto processo e del diritto di difesa, ma in gravissime carenze strutturali della macchina amministrativa”.