Figliuolo acquisirà 50mila cicli di antivirali orali. Si tratta dei farmaci Molnupiravir e Paxlovid. Entrambi curano dal Covid e riducono il rischio di forme gravi

antivirali Figliuolo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La struttura commissariale, diretta dal generale Francesco Paolo Figliuolo, ha avuto mandato dal ministero della Salute di acquisire “un quantitativo pari 50.000 cicli trattamento di farmaci antivirali orali per Covid-19 per ciascuna tipologia di Molnupiravir e Paxlovid”. “Per i quali – riferisce la stessa struttura del Governo – si avvieranno le procedure per la stipula dei contratti e/o acquisto al fine di consentirne l’effettiva disponibilità non appena le aziende saranno in grado di fornirli”.

Il Molnupiravir, prodotto dalla Merck, è il primo antivirale orale per il trattamento del Covid e agisce interferendo con la capacità del virus di replicarsi e quindi il rischio di provocare forme gravi. Il farmaco non colpisce la proteina spike e dunque dovrebbe essere efficace a prescindere dalle varianti. I trial clinici hanno confermato che il Molnupiravir è in grado di ridurre le ospedalizzazioni del 50 per cento. Va assunto al comparire dei primi sintomi e prevede 2 pastiglie al giorno per 5 giorni.

Il Paxlovid, prodotto da Pfizer, funziona inibendo la proteasi virale del Covid-19  e va ad inibire una proteina unica del virus. Dai trial clinici ha dimostrato di essere in grado di ridurre le ospedalizzazioni dell’89 per cento. Il trattamento prevede 40 pillole per 5 giorni al comparire dei primi sintomi.