Fincantieri si lancia nelle braccia dei privati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Parte la privatizzazione di Fincantieri.

Una quota vicina al 50% del gruppo cantieristico – controllato dalla Cassa depositi e prestiti attraverso la controllata Fintecna – sarà quotata in Borsa. Lo riporta Il Corriere della Sera, scrivendo che la decisione è stata presa poco prima di Pasqua, quando il presidente Vincenzo Petrone ha firmato una convocazione di assemblea ordinaria e straordinaria il cui ordine del giorno comprende, al primo punto, la “domanda diammissione delle azioni della società a quotazione sul mercato telematico azionario”, uno dei comparti di Borsa Italiana. L’assemblea, che si riunirà a Trieste il 5 maggio, dovrà poi varare unaumento di capitale per un massimo di 600 milioni a servizio dell’offerta pubblica di sottoscrizione (cioè la quotazione attraverso emissione di nuove azioni).

Oggi il 99,36% del gruppo guidato da Giuseppe Bono, che costruisce grandi navi e yacht nei cantieri di Monfalcone, Marghera, Genova, Napoli e Palermo, è in mano pubblica. Mentre il resto del capitale è suddiviso tra alcune decine di piccolissimi soci italiani più Citibank. Il primo progetto di parziale cessione dell’azienda risale al secondo governo Prodi (2007) e naufragò per l’opposizione di sindacati e organizzazioni di categoria. Ora, come è noto, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan intende procedere rapidamente con le privatizzazioni, a partire da quelle di Poste, Enav, Fs e, appunto, Fincantieri.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA