Fine pena… ora. Dopo 19 anni scarcerato Zagaria. Libero il boss di Camorra: per i pm è la mente economica dei Casalesi

Pasquale Zagaria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha scontato la sua pena in carcere e per questo Pasquale Zagaria, detto “Bin Laden”, torna in libertà. La scarcerazione del fratello del capoclan dei Casalesi, Michele Zagaria, è arrivata dopo che i suoi legali, Angelo Raucci e Andrea Imperato, hanno presentato ricorso in Cassazione per ottenere un ricalcolo degli anni di reclusione da scontare.

Un’istanza accolta dai giudici che hanno fissato la nuova pena a 19 anni, rispetto ai 22 del verdetto originario, e siccome il detenuto ne ha già trascorsi altrettanti in cella è stato rimesso in libertà. Bin Laden, nome con cui l’ormai ex detenuto è conosciuto nel sottobosco criminale, per i magistrati è la “mente economica” del temibile clan Casalesi e per questo era detenuto al 41bis nel carcere di Milano Opera dallo scorso 22 settembre, dopo 5 mesi di cure ai domiciliari concessi all’inizio della pandemia.

Una scarcerazione dovuta al fatto che l’ospedale di Sassari dove seguiva le terapie per una malattia che lo tormenta da tempo, a causa del coronavirus non era più in grado di prestargli le cure necessarie e così il tribunale di sorveglianza gli aveva concesso i domiciliari imponendo, però, un termine di cinque mesi che è scaduto a settembre 2020.

Nel frattempo, però, era stato trovato un altro posto dove poter assicurare le cure al detenuto e così il tribunale di Brescia, al quale i colleghi sardi avevano girato il fascicolo per competenza territoriale, aveva dichiarato cessate le esigenze e riportato il boss in carcere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA