E’ finita la pacchia per i furbetti del cartellino. L’annuncio della Bongiorno: “Il regolamento è pronto. Gli accessi saranno verificati con le impronte digitali”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel giorno in cui la Guardia di Finanza ha denunciato 30 tra medici, infermieri e tecnici assenteisti all’Ospedale di Barletta, il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, ha annunciato che il regolamento, previsto dalla legge Concretezza, per la verifica degli accessi a lavoro dei dipendenti pubblici attraverso la rilevazioni delle impronte digitali è pronto. “Sistema di ‘fraudolenta solidarietà per timbrare? Se fosse riscontrato quanto emerge dalle indagini sarebbe gravissimo! Con le impronte digitali stop ai truffatori e alla ‘fraudolenta solidarietà” ha scritto su Twitter il ministro Bongiorno.

“Felice di una legge che prevede la drastica riduzione dei tempi delle procedure concorsuali – ha poi aggiunto Bongiorno -, nuove risorse in settori strategici della Pa, aiuti alle amministrazioni in affanno e un metodo di lotta contro l’assenteismo finalmente incisivo: fino ad oggi, di fatto, la facevano franca in troppi; adesso, con le impronte digitali e la videosorveglianza, preveniamo il fenomeno. E’ finita l’epoca delle truffe”.

Il regolamento per l’introduzione delle impronte digitali è stato inviato al Garante della privacy e successivamente sarò mandato, per i relativi pareri, alla Conferenza Unificata e al Consiglio di Stato. I decreti attuativi relativi all’istituzione del ‘Nucleo per la Concretezza’ saranno, invece, ultimati entro il mese di settembre.