Finti europeisti. Salvini dice no al Ppe. In vista c’è un nuovo gruppo con l’amico Orbán e la Le Pen

Orbán Salvini
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Salvini ha festeggiato ieri i suoi 48 anni e per l’occasione ha deciso di farsi un regalo: un gruppo nuovo di zecca a Bruxelles con l’amico Vicktor Orbán, al quale potrebbe aderire anche il partito di Marine Le Pen. Nessun ingresso nel Ppe, dunque, come pure si era prospettato da più parti: “Stiamo lavorando per un nuovo gruppo, inclusivo, con movimenti che sono al governo in altri Paesi, con i polacchi e gli ungheresi”, annuncia il leader leghista, spiegando che i 27 europarlamentari della Lega lasceranno Identità e democrazia, dove ora siedono con Le Pen e i tedeschi di Afd. Una novità che potrebbe cambiare gli assetti europei poichè le regole prevedono che i membri di un nuovo gruppo debbano provenire almeno da sette Paesi diversi. Scouting aperto, dunque.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA