Firme false per Formigoni. Condannato a due anni e nove mesi il presidente della provincia di Milano, Guido Podestà. Sarebbero state oltre 900 le firme falsificate

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Condanna a due anni e nove mesi per il presidente della provincia di Milano, Guido Podestà, in relazione alle presunte firme false a sostegno del candidato governatore della Lombardia, Roberto Formigoni e della lista del Pdl. La consultazione finita nel mirino è quella del 2010. Podestà era imputato per falso ideologico e il procuratore aggiunto Alfredo Robledo aveva chiesto la condanna ad 5 anni e 8 mesi. “La vita di tutti è fatta di passaggi, questo è un passaggio per me e per chi con me è stato condannato. La cosa più amara è pensare ai miei figli, all’insegnamento di credere nella giustizia”, ha dichiarato Podestà, “Questo episodio non conforta questa tesi. La certezza del diritto non è garantita e questa storia dimostra la superficialità assoluta nella ricerca della verità”. Il giudice ha condannato anche gli ex consiglieri provinciali Massimo Turci (due anni e sei mesi di reclusione), Barbara Calzavara (due anni e sei mesi), Nicolò Mardegan (un anno e un mese) e Marco Martino (nove mesi). Per tutti, il tribunale ha deciso la sospensione dai diritti elettorali. I condannati dovranno anche liquidare 100mila euro alla Provincia, costituitasi parte civile nel processo. Sarebbero state oltre 900 le firme falsificate.