Fischi e lancio di pomodori contro il Capitano. Salvini costretto a interrompere il suo comizio a Torre del Greco dopo soli 5 minuti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Più fischi che applausi accolgono Matteo Salvini a Torre del Greco nella seconda tappa del tour che porterà oggi il leader della Lega in diversi comuni della Campania culminando nel tardo pomeriggio a Napoli con l’incontro con i cittadini in Piazza Matteotti. Aspramente contestato soprattutto dai centri sociali, Salvini con qualche difficoltà, dribblando anche il lancio di alcuni pomodori, ha portato a termine il suo intervento – durato qualche minuto – sul palco allestito nella piazzetta all’incrocio tra corso Vittorio Emanuele e Via Roma. “Chi lancia pomodori – ha detto poi il Capitano -, minaccia e insulta non protesta, è un incivile. Tornerò ad incontrare le persone perbene che sono la maggioranza pacifica, silenziosa e laboriosa di questa splendida città”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA