Fitch taglia il rating italiano a BBB+. Pesa il risultato delle elezioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’agenzia Fitch ha tagliato abbassato il rating sul debito sovrano dell’Italia a BBB+ da A-, con outlook negativo. La decisione e’ motivata dagli analisti di Fitch dall’esito delle elezioni del 24 e 25 febbraio, visto che “e’ improbabile che un nuovo governo stabile puo’ essere formato nelle prossime settimane. La maggiore incertezza politica e un contesto non favorevole per ulteriori misure di riforma strutturale, costituisce un ulteriore shock negativo per l’economia reale in mezzo alla profonda recessione”. Inoltre, i dati del quarto trimestre 2012 “confermano come quella italiana sia una delle recessioni piu’ profonde in Europa”. Inoltre, “la posizione di partenza sfavorevole e alcuni sviluppi recenti, come la caduta inaspettata dell’occupazione e indicatori di fiducia persistentemente deboli, possono aumentare il rischio di una recessione piu’ lunga e profonda di quanto precedentemente previsto”. Fitch prevede una contrazione del Pil dell’1,8% nel 2013, soprattutto a causa del riporto dalla contrazione del 2,4% nel 2012. Nel 2013 il rapporto debito/Pil potrebbe toccare il 130% rispetto alla stima di Fitch del 125% a meta’ del 2012, anche assumendo un’invariata politica di bilancio. (ITALPRESS).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA