Focolaio di Alzano e Nembro. L’inchiesta dei pm di Milano. Attesa in 6 mesi la relazione di Crisanti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ci vorranno altri sei mesi per avere l’attesa consulenza del virologo Andrea Crisanti (nella foto) che dovrà far luce sulla gestione del coronavirus in Lombardia. Come chiesto dal direttore del laboratorio di Microbiologia e virologia dell’Azienda ospedaliera di Padova, la Procura di Bergamo ha concesso tempo fino a marzo per depositare il decisivo atto che dovrà rispondere a tre questioni ossia la mancata istituzione della zona rossa nei comuni di Alzano e Nembro, l’anomala riapertura del pronto soccorso di Alzano dello scorso 23 febbraio e, per concludere, l’esorbitante numero di decessi che si sono verificati nelle rsa della zona. Si tratta della maxi inchiesta nelle mani del procuratore capo Cristina Rota in cui sono ipotizzati i reati di epidemia colposa e omicidio colposo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA