Fondi della Lega. Si indaga anche per riciclaggio. I pm si concentrano sulle società utilizzate per trasferire il denaro in Svizzera da Di Rubba e Manzoni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Riciclaggio. Questa l’ulteriore ipotesi formulata dalla Procura di Milano nell’inchiesta partita dalla presunta vendita gonfiata di un immobile nel milanese, acquistato con fondi pubblici dalla Lombardia Film Commission, che era presieduta da Alberto Di Rubba (nella foto), commercialista ed ex revisore contabile della Lega, così come Andrea Manzoni, altro professionista indagato. Dalle indagini finora sono emerse strutture societarie “complesse” messe in piedi da Di Rubba e Manzoni, attraverso le quali sarebbe stato trasferito denaro in Svizzera. La prossima settimana verrà interrogato nuovamente Luca Sostegni. Il riciclaggio va ad aggiungersi alle ipotesi di peculato, turbativa d’asta, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte ed estorsione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA