Fondi della Lega, Sostegni vuota il sacco coi pm. Interrogatorio fiume di 9 ore sulle società gestite dai fiscalisti del Carroccio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo esser finito al centro della vicenda giudiziaria sui fondi della Lega, Luca Sostegni ha deciso di collaborare con i magistrati di Milano che indagano sulla compravendita a prezzo gonfiato dell’immobile di Cormano, acquistato con soldi pubblici dalla Lombardia film commission.

Proprio per questo ieri c’è stato il quarto interrogatorio dell’uomo, attualmente detenuto a San Vittore e ritenuto il prestanome nell’inchiesta, durato quasi nove ore. Un faccia a faccia in cui l’uomo avrebbe ricostruito, letteralmente fattura per fattura, il sistema usato dai fiscalisti del Carroccio, Andrea Manzoni, Alberto Di Rubba e Michele Scillieri, per far entrare e uscire soldi da una società da lui amministrata e gli stratagemmi usati dagli stessi commercialisti per svuotarne altre.

Una lunga serie di ammissioni e rivelazioni, quelle effettuate da Sostegni, che sembrano destinate a proseguire tanto che i magistrati hanno già calendarizzato per la prossima settimana un nuovo interrogatorio. Stando a quanto trapela si parlerà del conto in Svizzera, collegato alla fiduciaria Fidirev, su cui sono finiti “400 mila euro”, parte della “provvista” illecita e che sarebbero passati anche per una società con base a Panama.