Novità per gli enti di formazione, nasce Ciforma. La presidente Alfieri: “Il nostro impegno per rilanciare la rete delle politiche attive”

Ciforma Alfieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nasce Ciforma, associazione che rappresenta e tutela gli interessi degli enti di formazione. Presidente è Lucia Alfieri (nella foto), avvocato amministrativista palermitano con una vasta esperienza nel settore della formazione. La nuova federazione si colloca nel sistema confederale Cifa.

Ciforma – oltre alle classiche aree della vita associativa che comprendono contrattualistica, assistenza legale, rappresentanza, convenzioni, ecc. – offre servizi innovativi per lo sviluppo organizzativo delle agenzie formative. Grande attenzione va alla “formazione dei formatori” con l’obiettivo di accompagnarli nella qualificazione e nell’aggiornamento professionale per erogare una formazione di qualità, compresa una piena padronanza degli strumenti digitali.

Ciforma è un ponte con l’apparato pubblico. Promuove progetti, idee e partnership tra le istituzioni, il mondo dell’istruzione e della formazione e il sistema produttivo. Come sottolinea la presidente Lucia Alfieri: “Lavoreremo per costruire un rinnovato modello di relazioni con la P.a. con pieno beneficio dell’intero sistema produttivo. Offriremo contenuti, formazione, aggiornamento e cultura al mondo del lavoro contribuendo, così, a qualificare la rete delle politiche attive in Italia, di cui gli enti di formazione e le agenzie per il lavoro sono protagonisti fondamentali”.

Per Andrea Cafà, presidente dell’associazione datoriale Cifa: “Ciforma entra a far parte della nostra famiglia. Di sicuro, porterà con sé elementi preziosi per la vita associativa. Ma non dimentichiamo che essa nasce anche per fornire l’adeguata assistenza contrattuale a un settore rimasto, purtroppo, inascoltato. Basti dire che l’ultimo contratto è stato firmato 9 anni fa, nel 2012. Con Ciforma ribadiamo la centralità della formazione e dei formatori per il mondo del lavoro e della produzione”.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA