Formigoni in carcere a Bollate. Ieri sera l’ex governatore della Lombardia era stato condannato in via definitiva a 5 anni 10 mesi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, condannato ieri sera a 5 anni  10 mesi in via definitiva per corruzione nell’ambito del processo Maugeri-San Raffaele, è entrato questa mattina nel carcere di Bollate (Milano) per scontare la condanna che gli è stata inflitta dalla Cassazione. Formigoni è giunto accompagnato in auto dal suo legale ed è entrato nell’Istituto senza fermarsi dalla porta carraia. L’ordine di carcerazione, conseguente alla condanna definitiva, è stato firmato dal sostituto procuratore generale di Milano, Antonio Lamanna. La difesa di Formigoni ha intanto depositato una istanza per chiedere la detenzione domiciliare per l’ex governatore lombardo. La richiesta è stata presentata dall’avvocato Mario Brusa, storico difensore di Formigoni allo stesso sostituto pg Lamanna.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA