Forte scossa di terremoto tra Campania e Molise

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Antonello Di Lella

La terra trema sotto i Monti del Matese tra Campania e Molise. Una scossa di entità 4.9 della scala Richter è stata avvertita poco dopo le 18. Le province più vicine all’epicentro della scossa (Monti del Matese) sono quelle di Campobasso, Caserta e Benevento dove è tornata la paura. La forte scossa è stata percepita in tutto il Molise (fino alla costa) e in tutta la Campania, anche a Napoli soprattutto nei piani alti. Seppur lievemente, il terremoto si è fatto sentire anche in Puglia, nella provincia di Foggia, in Abruzzo e anche nel Lazio. Intanto continua lo sciame sismico con scosse a ripetizione la maggior parte di entità di poco inferiore ai 3 gradi della scala Richter. Dopo le 21 si sono però registrati due eventi sismici di maggiore entità: 3.7 e 3.2 Richter. Per il momento non si segnalano danni, mentre in tutte le province coinvolte sono in corso le verifiche dei tecnici della Protezione Civile.

Sono questi i comuni i comuni che si trovano a non più di 10 chilometri dall’epicentro: Castello del Matese, Gioia Sannitica, Piedimonte Matese, San Gregorio Matese, San Potito Sannitico, in provincia di Caserta, e Cusano Mutri, in provincia di Benevento.

Molte persone hanno lasciato le loro case e sono uscite per strada. “Si tratta di una zona attiva dal punto di vista sismico”, ha spiegato il sismologo Enzo Boschi. In Campania la memoria è tornata al distruttivo terremoto del 1980 quando in Irpinia furono numerosi i morti e oltre 300 mila gli sfollati. Situazione sotto controllo a Napoli. “La scossa è stata avvertita in modo nitido, sono stati allertati tutti, dai vigili del fuoco alla protezione civile, e stiamo monitorando la situazione”, afferma il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, “Nel 1980 avevo 13 anni, è stato l’unico momento della mia vita in cui ho visto la morte negli occhi.  Anche oggi la paura è stata forte ma ora bisogna essere lucidi e monitorare il territorio, la nostra è una terra sismica: siamo abituati”.

In preda al panico un uomo di 51 anni in provincia di Caserta è saltato dal piano rialzato della sua casa procurandosi lievi ferite. A Cassino (Frosinone), invece, una pensionata in fuga dalla sua abitazione è scesa di fretta in strada dove è stata investita e poi trasportata in ospedale: per lei frattura di alcune costole e forte trauma cranico. Non è in pericolo di vita.