Forza Italia si fida del Rottamatore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alessandro Ciancio

La minoranza interna al Pd va in pressing per cambiare l’Italicum siglato da Renzi, Berlusconi e Alfano (anche se sulle liste bloccate Ncd non intende smettere di dare battaglia a favore delle preferenze). E Matteo Renzi reagisce all’accerchiamento con uno spiraglio che però appare del tutto teorico: «Modifiche sono possibili, il Parlamento è libero di farle, ma che tutti siano d’accordo. Altrimenti riinizia tutto d’accapo» ha detto ieri sera al Tg3. Il segretario del Pd ha poi avvertito: «Qualche franco tiratori ci sarà ma se faranno fallire la riforma elettorale senza metterci la faccia, dopo quello che è accaduto per l’elezione del presidente della Repubblica, allora la strada della legislatura sarà in salita, non affosseranno la legge elettorale ma la legislatura».

E che l’ipotesi di un’imboscata parlamentare da parte di settori del Pd aumenti di giorno in giorno la sua consistenza lo dimostra anche l’irritazione in casa Forza Italia. «Rispettiamo i patti. Siamo gente seria» si leggeva ieri sul Mattinale, la nota politica redatta dallo staff del gruppo di Forza Italia alla Camera. «Esiste un comandamento laico, parola di Norberto Bobbio: pacta servanda sunt. Si obbedisce ai patti. Vale per noi. Vale per tutti? Se la morale è una cosa seria, vale anche per i deputati del Pd. Per la proprietà transitiva della rappresentanza». Gli azzurri vogliono mettere le cose in chiaro: «Noi ci fidiamo di Renzi. Il problema è che i parlamentari di cui è segretario politico hanno piacere a indebolirlo, infilandoci elementi che non sono affatto di contorno e modificano in radice la natura della legge». Tradotto: le preferenze al posto delle liste bloccate, che però sono state accettate a larga maggioranza dalla direzione del Pd. Proprio per questo i deputati di Forza Italia dicono di «serietà da tutta la compagnia. Altrimenti il contratto è sciolto e se la vedranno con gli italiani. Non desideriamo affatto che il Pd si frantumi». Peccato che pochi minuti dopo l’intervista di Renzi è giunta la dichiarazione di Enrico Letta a favore delle preferenze: «Io penso che in Parlamento se c’è un accordo largo alcuni aspetti della legge elettorale possono essere modificati» ha detto a Otto e mezzo. «Bisogna che i cittadini si sentano più partecipi nella scelta dei parlamentari». Forse bisogna soprattutto che nel Pd si mettano d’accordo tra loro…