Macron è il nuovo Presidente francese. Risultato netto: travolta Marine Le Pen

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Emmanuel Macron ha conquistato l’Eliseo. Sin dai primi dati non ci sono mai stati dubbi sul fatto che sarebbe diventato lui il nuovo presidente francese. Le cifre definitive parlano di un 66% per Macron contro il 34% per Marine Le Pen. Macron sarà così, a 39 anni, il più giovane leader d’Europa. Una sorta di assopigliatutto che è riuscito a calamitare con la sua nuova creatura politica, En Marche, i voti dei due terzi dei francesi. La Le Pen, che partiva da circa il 20% del primo turno, è riuscita a guadagnare punti. Non quanto si pensava, infatti, la speranza del Front National era quella di raggiungere il 40% dei voti. Ma comunque il miglior risultato per il partito dell’estrema destra francese. Bassa l’affluenza alle urne per un secondo turno, la più forte dal lontano 1969. Ma il dato più sconcertante è che circa il 12% dei votanti ha votato scheda bianca o nulla (circa l’8% degli aventi diritti). Oltre a un già corposo 25% di astenuti.

Solo dieci minuti dopo la chiusura del voto la Le Pen, quasi a sorpresa, è uscita pubblicamente a commentare la sconfitta: “I francesi hanno scelto un nuovo presidente della Repubblica. E hanno votato per la continuità. Ho fatto già i miei auguri a Macron. Voglio ringraziare i francesi che mi hanno votato. Siamo la prima forza di opposizione al progetto di questo nuovo presidente. Propongo di trasformare il nostro movimento in una nuova forza politica, chiedo a tutti i nostri compatrioti di unirsi a noi in questa lotta politica contro la globalizzazione”. Un messaggio dritto alle forze di destra in vista delle legislative che si terranno in Francia il prossimo mese di giugno. Poco prima di uscire pubblicamente a parlare la Le Pen aveva avuto anche una cordiale telefonata di complimenti con Macron.

Macron ha parlato invece quando erano le 21 in Italia. Ponendo al centro del suo discorso la difesa della Francia e dell’Europa. QUI IL DISCORSO DEL PRESIDENTE FRANCESE

Non ha resistito, invece, l’ex premier italiano Matteo Renzi che ha già twittato: “La vittoria di scrive una straordinaria pagina di speranza per la Francia e per l’Europa. ! “.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA