Francia, soccorre una migrante che doveva partorire d’urgenza. La guida alpina ora rischia fino a 5 anni di carcere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Rischia fino a cinque anni di carcere l’uomo che ha soccorso una famiglia di migranti al confine tra Italia e Francia. Benoit Ducos del Briançonnais è indagato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina per aver aiutato una donna che era incinta e stava per partorire, caricandola in auto, cosa vietata dalle leggi sull’immigrazione. Benoit è un volontario (guida alpina) che da due anni fornisce assistenza ai migranti, ma a nulla sono valse le spiegazioni fornite alla polizia che lo hanno bloccato. Il volontario ha confermato che lo rifarebbe ancora. La moglie Sophie: “Sono terrorizzata e indignata, tra i gendarmi c’era una donna”.

La famiglia nigeriana era stata avvistata e soccorsa a Monginevro, a quota 1900 metri di altezza.  Benoit l’ha poi caricata per portarla all’ospedale di Briançon, dove è stato bloccato per oltre un’ora, compresa la donna incinta. Soltanto l’arrivo dei pompieri ha consenti il soccorso della migrante. E che la situazione fosse piuttosto grave lo testimonia il parto d’urgenza con un cesareo.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA