Torna il pugno di ferro dell’Europa contro i migranti. Frontiere blindate in Svezia e Danimarca. E Schengen adesso può saltare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Pugno duro per far fronte al flusso di migranti quello adottato da Grecia e Danimarca. Copenaghen ha introdotto,  con effetto immediato, controlli temporanei al suo confine con la Germania. Controlli che saranno in vigore fino al 14 gennaio secondo quanto riferito dal portavoce della Commissione Ue. Copenaghen ha inviato una lettera di notifica a Bruxelles. Il provvedimento danese segue la decisione presa, qualche ora prima, dalla Svezia che ha ripristinato i controlli per i viaggiatori provenienti dalla Danimarca, per ridurre l’afflusso di migranti nel Paese. I provvedimenti presi dai due paesi scandinavi preoccupano e non poco il resto d’Europa. La Germani, seppur non commentando ufficialmente, auspica una “soluzione europea” che passi attraverso un efficace controllo delle frontiere esterne dell’Ue. Il portavoce del ministero degli Esteri ha aggiunto che il sistema di Schengen “è molto importante ma è in pericolo a causa del flusso di profughi”.