Furbetti del Reddito di Cittadinanza, Conte: “M5S sempre contro l’illegalità, altri a giorni alterni. Gli abusi sono un insulto ai più fragili”

Reddito di cittadinanza Conte
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“I truffatori e i delinquenti che hanno percepito il Reddito di cittadinanza senza averne diritto fanno un torto al Paese e a chi ha veramente bisogno di questo strumento in un momento di grande difficoltà economica. Il Movimento 5 Stelle sostiene operazioni come quelle del Comando interregionale dei Carabinieri ‘Ogaden’ e del comando Tutela del Lavoro, che hanno scoperto gli abusi di chi non aveva diritto al Reddito”. È quanto scrive, in un post su Facebook, il presidente del M5S, Giuseppe Conte riferendosi ai quasi 5mila furbetti del Reddito di cittadinanza scoperti negli ultimi mesi (leggi l’articolo).

“Come M5S abbiamo già sollecitato e ottenuto nuovi interventi nella legge di bilancio per controlli più rigidi – ha aggiunto Conte – e una prevenzione più efficace. Questi abusi sono un insulto alle famiglie in condizioni di povertà, ai lavoratori sottopagati, ai disabili, ai più fragili. Sono un ostacolo per i tanti che vogliono lavorare e che avranno più possibilità di farlo grazie alle modifiche che il M5S sta inserendo sul fronte delle politiche attive e degli incentivi alle assunzioni”.

“Chi compie questi abusi – ha detto ancora il leader M5S – finisce anche per dar voce anche a chi, irresponsabilmente, sogna di eliminare uno strumento di dignità e civiltà che – come riconosciuto anche da organismi internazionali – ha fornito una protezione sociale irrinunciabile durante la pandemia”.

“Il M5S – ha ricordato ancora Conte – lotta contro l’illegalità sempre, senza calcoli politici. Invitiamo anche le altre forze politiche a farlo, non solo sul Reddito di cittadinanza. Negli ultimi due anni si sono registrate 15 miliardi di truffe a danno dello Stato (di queste meno dell’1% – comunque inaccettabili – sono legate al RdC).

“L’evasione fiscale supera i 100 miliardi annui – ha concluso il leader del Movimento – e incide sulle lunghe liste d’attesa nei nostri ospedali, sui servizi ai cittadini, sulle scuole. Eppure strumenti anti-evasione come il Cashback sono stati bruscamente interrotti, eppure alcune forze politiche continuano a strizzare l’occhio agli evasori. Noi siamo in prima linea per la legalità e contro gli abusi sempre, non a giorni alterni”.

Leggi anche: Scoperti al Sud quasi cinquemila “furbetti” del Reddito di cittadinanza. Anche camorristi tra i beneficiari. Avevano barche, Ferrari e appartamenti. E qualcuno si è inventato di avere dei figli.