Gaffe e scivoloni non scalfiscono il Movimento. I 5 Stelle sono in testa nei sondaggi: superato il Pd

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Problemi sulla collocazione in Europa? Gaffe della Raggi? Dubbi sul funzionamento della piattaforma Rousseau? Nessun problema. Il Movimento 5 Stelle non ne risente: i sondaggi confermano anzi la crescita, fino al sorpasso operato sul Partito democratico. Il rilevamento di Nando Pagnoncelli per il Corriere della Sera dà un buon motivo di festeggiare a Beppe Grillo: la sua creatura politica riesce a superare indenne qualsiasi problema. Il consenso è infatti al 30,9% contro il 30,1% del Pd. I pentastellati, insomma, possono andare anche oltre la soglia del 31%.

Le altre forze politiche sono nettamente staccate: Lega Nord e Forza Italia si contendono il primato del Centrodestra. Il Carroccio è indicato al 12,5%, ma il partito di Silvio Berlusconi lo tallona al 12,4%. Anche se uniti in un’alleanza non riuscirebbero a raggiungere i 5 Stelle e il Pd. Per questo servirebbero infatti anche i voti di Fratelli d’Italia, che si conferma sopra il 4%, attestandosi al 4,4%. I numeri dei sondaggi sono l’ennesimo suggerimenti della nascita di una coalizione di destra. Ncd di Angelino Alfano è dato al 3.7%, mentre Sinistra italiana è ferma addirittura al 3%. L’area degli indecisi è comunque molto ampia, superando il 33%.

Infine, per quanto riguarda le elezioni anticipate, Pagnoncelli conferma che la maggioranza vorrebbe il voto il prima possibile: il 40% chiede il ritorno alle urne subito dopo la sentenza della Corte costituzionale sull’Italicum.