Giallo infinito sulle ultime ore del Pirata

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Giallo. Sempre più giallo. E non è il colore della maglia con cui Marco Pantani ha trionfato a Parigi al Tour de France. Perché sono sempre di più gli interrogativi sulla morte, quel 14 febbraio del 2004 in un residence di Rimini. Un fax, i risultati dell’autopsia e un orologio, pongono nuovi interrogativi riguardo all’orario del decesso del “Pirata”. Il fax individuava l’ora del decesso intorno alle 17, il documento definitivo, però, scritto dopo i risultati dell’autopsia, spostò la morte 4 o 5 ore indietro, tra le 11.30 e le 12.30. Anomalia che ha riportato a riaprire le indagini. Ma ora è sputanto un nuovo particolare: l’orologio al polso di Pantani bloccato sulle 4.55 (o le 16.55). Un particolare che fa tornare d’attualità la prima versione. Secondo i tecnici un Rolex Daytona può bloccarsi solo se rimane immobile per almeno 50 ore, oppure se subisce un forte colpo. Quel colpo l’orologio di pantani lo ha subito alle 4.55 o alle 16.55. Ma non si può dire con certezza se il Rolex di Pantani si sia fermato nel pomeriggio e come. Se volontariamente o dai suoi presunti assassini.