Gino Paoli lascia il vertice della Siae. Il cantautore è indagato per evasione fiscale. Red Ronnie grida al complotto internazionale e l’amico Grillo questa volta non usa la clava

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo l’autosospensione arrivano le dimissioni di Gino Paoli dalla presidenza della Siae. Nei giorni scorsi è stata aperta un’indagine a suo carico per presunta evasione fiscale.  “Sono certo dei miei comportamenti – scrive il cantautore – e di non aver commesso reati, voglio difendere la mia dignità di persona per bene”.

Paoli risulta indagato perché si sospetta abbia trasferito in Svizzera 2 milioni di euro di ‘nero’ per un’evasione del fisco di circa 800 mila euro. Indagata anche sua moglie Paola Penzo e altri due soci di Paoli nelle tre società genovesi che fanno capo al cantautore.

Lo difende a La Zanzara l’amico Red Ronnie: “Sono abituato a leggere e guardare film sui complotti, quando succede qualcosa mi chiedo sempre perché quella cosa viene fuori. Gino Paoli è una persona meravigliosa, un amico, che si stava battendo alla Siae contro le multinazionali che non pagano i diritti”. In precedenza lo aveva difeso anche l’amico Beppe Grillo di solito sempre pronto a partire con la clava anche per una semplice iscrizione nel registro degli indagati.